Abusi sessuali nelle scuole: il (terribile) caso del Senegal

abusi sessuali in senegal

Il preside Abdul, un giovane direttore di una scuola secondaria senegalese, ha impressionato non solo perché parla di uguaglianza sessuale, ma perché intraprende azioni concrete per assicurare che le ragazze vadano bene a scuola. Opera in una piccola città rurale nella Casamance, la regione più a sud del Senegal, tra il Gambia e la Guinea Bissau.

Essere a capo di una scuola secondaria in questa regione non è facile: il matrimonio infantile e le gravidanze precoci e non intenzionali influenzano l’opportunità di molte ragazze di completare la propria istruzione secondaria ogni anno. Il preside Abdul ha detto che affrontare il modo in cui gli studenti vestono è importante, sia per la loro protezione che per garantire l’uguaglianza tra gli studenti.

In Senegal, come in molti paesi, la violenza sessuale e di genere contro donne e ragazze è comune. La discriminazione di genere è profondamente radicata nella vita delle ragazze, a casa, nella comunità e nelle scuole. Sebbene il Senegal abbia intensificato gli sforzi per combattere la violenza sessuale anche nelle scuole, forme ovvie e nascoste di molestie, sfruttamento e abuso da parte degli insegnanti colpiscono molte ragazze ogni anno.

Alcuni insegnanti e funzionari scolastici erano molto critici nei confronti degli insegnanti che sfruttano sessualmente gli studenti. Ma alcuni hanno giustificato tutto questo riferendosi al rapido sviluppo delle ragazze durante l’adolescenza, sia fisicamente che sessualmente. Alcuni funzionari hanno affermato che i giovani insegnanti possono essere confusi quando i loro studenti si vestono e si comportano come giovani donne. Alcuni ritenevano che le ragazze mettessero alla prova i loro limiti indossando abiti stretti a scuola.

Occasionalmente, alcune ragazze incolpavano le proprie compagni di classe per situazioni in cui o gli insegnanti le sfruttavano o addirittura uscivano con loro; qualcuna indossava abiti stretti, qualcuna flirtava con l’insegnante mentre andava alla lavagna, qualcuna usciva con un insegnante per ottenere voti migliori.

Così come il preside Abdul, molti insegnanti e studenti proponevano uniformi in tutte le scuole secondarie, per garantire che tutti i bambini si vestissero allo stesso modo, sulla base di codici di abbigliamento più rigorosi. Ma sentendo le ragazze accusarsi a vicenda per lo sfruttamento sessuale nelle scuole porta a concludere che le uniformi sono una soluzione inutile per affrontare lo sfruttamento sessuale.

Tutti i governi dovrebbero comunque garantire che i funzionari scolastici siano legalmente tenuti a segnalare abusi o violenze quando si verificano e coinvolgono studenti o personale delle loro scuole. I governi devono anche valutare il rischio di violenza e abusi nelle scuole e, laddove necessario, garantire che gli insegnanti o i funzionari scolastici che sfruttano la vulnerabilità delle ragazze e abusano sessualmente dei loro studenti vengano perseguiti.

La formazione degli insegnanti dovrebbe ribadire che l’abuso, le molestie o le relazioni sessuali tra il personale scolastico e gli studenti non possono mai essere giustificati.

Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *