Come calcolare le settimane di gravidanza

gravidanza

La gravidanza è un momento magico nella vita di qualsiasi donna, ma deve essere gestita senza dimenticare alcuni aspetti tecnici fondamentali per sapere come comportarsi. Uno di questi riguarda senza dubbio le settimane. Quante donne che cercano un figlio sanno come si calcolano le settimane di gravidanza? Ecco qualche indicazione per chiarirsi le idee in merito al calcolo delle settimane di gravidanza.

Come calcolare le settimane di gravidanza: ecco da dove partire

Da dove si parte nel calcolo delle settimane di gravidanza? Convenzionalmente si avvia il tutto dalla data delle ultime mestruazioni. Questo punto di partenza è utile quando non si hanno altri riferimenti. I più moderni test di gravidanza sono infatti in grado di fornire indicazioni utili anche in merito alla data del concepimento, grazie agli stick utili alla rilevazione dell’ovulazione. Quando si parla di calcolo delle settimane di gravidanza è fondamentale avere in mente quello che è un vero e proprio schema, che si basa sulla sinergia tra settimane e giorni. Ecco qualche chiarimenti in merito.

Come calcolare le settimane di gravidanza: lo schema principale

Quando si calcolano le settimane di gravidanza ci si basa su uno schema. Eccone le linee principali relative alle prime settimane.

  • Settimana 1: la settimana 1 (0 settimane + 0 giorni) inizia con il primo giorno dell’ultimo ciclo mestruale, e termina sei giorni dopo.
  • Settimana 2: la settimana 2 inizia con il compimento della prima, e termina a 1 settimana + 6 giorni.

Questo schema deve essere applicato fino alla settimana 41. Generalmente la gravidanza si conta tenendo conto delle settimane, ma è chiaramente possibile parlare anche di mesi. Ecco come muoversi in questo caso.

Come calcolare le settimane di gravidanza: il rapporto con i mesi

Sei incinta e vuoi sapere quante settimane di preciso hai passato con il tuo bimbo nella pancia? Stai cercando un figlio e vuoi avere un’idea chiara sul rapporto tra settimane di gravidanza e mesi? Ecco come devi regolarti!

  • 1° mese: inizia dal primo giorno dell’ultimo ciclo mestruale, e termina a 4 settimane + 3 giorni.
  • 2° mese: inizia a 4 settimane + 4 giorni (esattamente un giorno dopo la fine del primo) e termina a 8 settimane + 5 giorni.
  • 3° mese: inizia a 8 settimane + 6 giorni e finisce con il raggiungimento delle 13 settimane + 1 giorno.
  • 4° mese: inizia a 13 settimane + 2 giorni e termina con il raggiungimento delle 17 settimane + 4 giorni.
  • 5° mese: inizia a 17 settimane + 5 giorni e termina con il raggiungimento delle 21 settimane + 6 giorni.
  • 6° mese: inizia con le 22 settimane + 0 giorni e termina con il raggiungimento delle 26 settimane + 2 giorni.
  • 7° mese: inizia con 26 settimane + 3 giorni e termina con il raggiungimento delle 30 settimane + 4 giorni.
  • 8° mese: inizia a 30 settimane + 5 giorni e termina a 35 settimane e 0 giorni.
  • 9° mese: inizia a 35 settimane + 1 giorno e termina al raggiungimento delle 40.

A questo calcolo devono essere aggiunte due settimane, sempre da tenere in conto per eventuali ritardi nel parto.

Per quale motivo si considera l’ultima mestruazione come data iniziale della gravidanza? Perché si presume che il concepimento avvenga due settimane dopo. La gravidanza dura in  media 280 giorni, ai quali devono essere aggiunti le già citate due settimane.

Calcolare le settimana di gravidanza e inquadrare i segnali fisici

Oltre a calcolare le settimana di gravidanza è molto utile avere in mente quelli che sono i principali segnali fisici. Durante il primo trimestre, che va dalla 1° alla 13° settimana, notoriamente si formano i principali organi vitali e, a meno di gravidanze gemellari, può essere difficile vedere il pancione con i vestiti.

Quando finisce il primo trimestre inizia il secondo, che va dalla 14° settimana di gravidanza fino alla 27°. In questo periodo si comincia a vedere il pancione, e il bambino, già formato, inizia a crescere. Il terzo trimestre va dalla 28° alla 40° settimana di gravidanza, e corrisponde al periodo di preparazione al parto.

Calcolare le settimane di gravidanza è fondamentale, in quanto si tratta di un dato utile per capire i cambiamenti del corpo, e per adeguare le proprie scelte di vita alla situazione, in modo da salvaguardare la propria salute e quella del bambino che arriverà a dare gioia a tutta la famiglia!

 

Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *