Donne incinte affette da epatite C: boom di casi negli Stati Uniti

epatite c

Un numero crescente di bambini è nato sotto l’esposizione all’epatite C, ma meno di un terzo sono stati successivamente sottoposti a screening per monitorare e trattare il virus potenzialmente fatale, secondo un recente studio effettuato in un ospedale di Pittsburgh.

Tra il 2006 e il 2014, la ginecologa ostetrica Catherine Chappell e i suoi colleghi hanno notato un aumento del 60% dell’epatite C nelle future mamme. Per migliorare il trattamento verso queste donne, la Chappell voleva sviluppare dei farmaci da assumere durante la gravidanza. Dei 10.000 bambini nati ogni anno nell’ospedale, la ginecologa ha detto che oltre 300 sono stati concepiti da donne affette da epatite C.

L’epatite C, un virus che attacca il fegato, è l’infezione più comune del sangue e può essere fatale se non trattata. Si stima che 3,5 milioni di americani abbiano l’epatite C cronica, e questo numero è aumentato più del doppio negli ultimi anni, un’epidemia silente causata dall’aumento del consumo di droghe durante la crisi da oppioidi. Ciò che rende l’epatite C tra i virus più difficili da trattare è che l’80% delle persone infettate non mostra sintomi.

Tra le donne incinte, il tasso di infezione è salito del 3,4%. Se una donna in gravidanza condivide gli aghi o fa sesso con una persona già infetta, contraendo il virus, c’è una probabilità del 6% che il virus venga passato al neonato. I bambini, come gli adulti, inizialmente non mostrano segni clinici di infezione. Mentre le probabilità che una madre passi l’epatite C al suo bambino sono minime, c’è una crescente preoccupazione che la comunità medica non si stia sforzando per identificare e trattare quei bambini che potrebbero sviluppare la malattia più avanti.

I test di follow-up sono raccomandati almeno sei mesi dopo la nascita per determinare se la madre ha trasmesso l’epatite C al bambino. Ma anche durante le visite ai bambini dopo la nascita, spesso questi test non avvengono.

Per anni, Stephen Patrick, un assistente professore di pediatria e politica sanitaria presso la Vanderbilt University, ha assistito all’impennata dell’uso di oppiacei nei reparti maternità dell’ospedale. Oggi, in tutto il paese, nasce un bambino che mostra segni di sindrome da astinenza neonatale. Insieme con l’aumento dei tassi di esposizione al farmaco, sono anche aumentati i neonati affetti da epatite C.

Secondo una ricerca, tra il 2009 e il 2014, il tasso dei neonati esposti all’epatite C è aumentato dell’89%. Patrick, che ha lavorato come autore principale dello studio, ha detto di essere preoccupato in quanto la comunità medica non sta facendo abbastanza per identificare questi bambini.

La crisi degli oppioidi può minare questi obiettivi. Il sistema sanitario deve fare di più per identificare le madri affette da epatite C, in modo di rintracciare la possibile trasmissione ai bambini, altrimenti diventerà un serio problema che potrebbe rimanere nascosto per diversi anni.

Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *