Marijuana in gravidanza: in California è boom di casi

marijuana

L’utilizzo di marijuana da parte delle donne in gravidanza per alleviare nausea o ansia è in aumento negli Stati Uniti, soprattutto in California e specie tra le future mamme adolescenti di età inferiore ai 18 anni.

I medici avvertono che gli effetti della marijuana sulla salute di un feto rimangono poco chiari, ma potrebbero includere un basso peso alla nascita e problemi di sviluppo. Molte delle sostanze chimiche contenute nella marijuana, come il tetraidrocannabinolo, noto come THC, possono essere trasmesse dalla madre al bambino.

Il Congresso americano di ostetrici e ginecologi raccomanda che “le donne che sono incinte o che stanno pianificando una gravidanza dovrebbero essere incoraggiate a sospendere l’uso di marijuana, interrompendone anche l’uso a scopi medicinali a favore di una terapia alternativa”. Inoltre, “non ci sono dati sufficienti per valutare gli effetti dell’uso di cannabinoidi sul neonato durante l’allattamento al seno e, in assenza di tali dati, l’uso di marijuana viene quindi scoraggiato”.

Questa nuova ricerca ha coinvolto 279.457 future mamme che si trovavano nel sistema sanitario del Kaiser Permanent Northern California. I partecipanti allo studio hanno completato questionari sul loro uso della marijuana e hanno fatto un test di tossicologia della cannabis durante le visite standard di assistenza prenatale. Le donne sono state sottoposte a screening per l’uso di marijuana a circa otto settimane di gestazione.

I ricercatori hanno scoperto che la prevalenza dell’uso di marijuana, basata su autoregolamentazioni o risultati tossicologici, è aumentata in tutte le fasce d’età, ma l’aumento maggiore si è verificato tra le donne di 24 anni e quelli ancora più giovani. L’autrice dello studio, la psicologa e ricercatrice Kelly Young-Wolff, ha dichiarato che “le preoccupazioni sull’utilizzo elevato della sostanza dai 24 anni in giù erano effettivamente fondate”.

Per gli altri gruppi di età, i ricercatori hanno scoperto che l’uso di cannabis è aumentato dal 3,4% al 5,1% tra le donne da 25 a 34 anni, e dal 2,1% al 3,3% tra le donne di età superiore a 34 anni.

“Non siamo stati in grado di distinguere l’uso prenatale di marijuana prima che le donne si rendessero conto di essere incinte”, ha continuato la Young-Wolff. “La marijuana è rilevabile nelle urine circa 30 giorni dopo l’ultimo utilizzo e questo varia con la pesantezza dell’uso e la potenza della marijuana. È possibile, ma anche improbabile, che alcuni test tossicologici abbiano identificato l’uso prima della gravidanza”.

Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *