Motivi per cui i bambini piangono

pianto nei bambini

Un bambino piccolo piange perché è l’unico modo che ha per comunicare quando ha fame, dolore, paura, bisogno di dormire e altro ancora. Come capire cosa sta comunicando esattamente? Soprattutto all’inizio, è molto difficile interpretare le urla di un bambino. Ecco i motivi più comuni che portano i bambini a piangere.

Fame

E’ la prima cosa a cui si pensa quando un bambino piange. Imparare a riconoscere i segni della fame aiuterà una mamma a nutrirlo prima che inizi a piangere. Alcuni segnali nei neonati da tenere d’occhio sono il troppo agitarsi, lo schiocco delle labbra e il mettersi le mani in bocca.

Problemi di stomaco

I problemi di stomaco associati a gas o coliche possono causare molti pianti. Quando un neonato soffre di coliche, manifesta un pianto inconsolabile per almeno tre ore al giorno, almeno tre giorni alla settimana e almeno tre settimane di fila.

Ha bisogno di ruttare

Se un bambino piange dopo una poppata, un buon rutto può essere tutto ciò di cui ha bisogno. I bambini ingoiano aria quando vengono allattati o succhiano il latte da una bottiglia; ciò può causare disagio se l’aria non viene rilasciata.

Pannolino sporco

Alcuni bambini si fanno capire bene quando hanno bisogno di essere cambiati. Altri possono tollerare un pannolino sporco per un bel po’. Ad ogni modo, ciò è facile da controllare e semplice da rimediare.

Ha bisogno di dormire

I bambini stanchi dovrebbero semplicemente dormire da soli, sempre e ovunque. Ma è più difficile per loro di quanto si possa immaginare. Invece, i bambini possono agitarsi e piangere, specialmente quando sono stanchi.

Vuole essere tenuto in braccio

I bambini hanno bisogno di molte coccole. Amano molto vedere i volti dei loro genitori, ascoltare le loro voci, ascoltare i loro battiti del cuore e persino scoprire il loro odore unico. Piangere può essere il loro modo per chiedere di essere tenuti vicini.

Troppo freddo o troppo caldo

Se un bambino sente freddo, come quando una mamma lo denuda per cambiargli un pannolino o per pulirgli il sedere con una salviettina fredda, potrebbe piangere.

Ai neonati piace molto essere tenuti al caldo, ma non troppo. Di regola, sono comodi quando indossando uno strato in più del necessario. I bambini piangono di meno quando sentono caldo rispetto a quando sentono freddo.

Qualcosa di doloroso e difficile da notare

I bambini possono essere disturbati da qualcosa di così difficile da individuare come un capello avvolto in modo stretto attorno ad un dito, interrompendo la circolazione. (I dottori chiamano questa dolorosa situazione “laccio emostatico”, ed è una delle prime cose che cercano quando un bambino piange senza motivo).

Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *