Il pianto dei bimbi attiva le stesse aree cerebrali delle madri

pianto nei bambini

Un nuovo studio suggerisce che piangendo i bambini spingono gli stessi “pulsanti” cerebrali in tutte le madri. La ricerca ha scoperto che in 11 paesi le mamme tendono a reagire allo stesso modo al loro bambino, prendendolo in braccio e parlando con lui; ciò dimostra che il modo in cui le madri rispondono sembra essere programmato nei loro circuiti cerebrali.

Uno degli autori dello studio ha affermato di sperare che i risultati porteranno a studiare le risposte cerebrali nelle donne che maltrattano i loro figli. “Il grido è comune negli abusi” ha affermato Marc Bornstein dell’Istituto Nazionale di Salute del Bambino e dello Sviluppo Umano del governo statunitense a Bethesda. I nuovi risultati sono stati rilasciati dal Proceedings of the National Academy of Sciences.

I ricercatori hanno analizzato videocassette di 684 madri in 11 paesi nel momento di interazione con i loro neonati, che avevano circa cinque mesi di vita. Le osservazioni sono state fatte in Argentina, Belgio, Brasile, Camerun, Francia, Kenya, Israele, Italia, Giappone, Corea del Sud e Stati Uniti. L’analisi ha dimostrato che le madri reagiscono al pianto prendendo in braccio e parlando con l’infante. In talune circostante si sono verificate reazioni come baciare, distrarre, nutrire il bambino. I risultati sono stati simili in tutti i paesi.

In seguito, i ricercatori hanno pensato quali parti del cervello vengono probabilmente coinvolte nelle risposte che hanno visto. Si sono concentrati su circuiti che si attivano quando una persona intende fare o dire qualcosa, altri circuiti che potrebbero essere coinvolti nella definizione del significato di un grido e di parti cerebrali note per svolgere ruoli critici nella cura materna.

Con le scansioni del cervello, essi hanno scoperto che quelle aree cerebrali si sono state attivate quando 43 madri per la prima volta negli Stati Uniti hanno ascoltato le registrazioni dei loro bambini che piangono. Cinquanta madri in Cina e in Italia hanno mostrato un risultato simile, con le mamme cinesi che mostravano diverse risposte cerebrali quando sentivano altri suoni come brontolio o riso dei neonati. Ma i cervelli di sei donne italiane che non erano madri hanno reagito in forma diversa al pianto di un bambino.

“Le madri, basate sulla loro esperienza personale, potrebbero facilmente aver sintonizzato il loro cervello per qualche mese nella fascia di sensibilità a un grido di un bambino, forse a causa dei cambiamenti ormonali che si verificano con la parentela” ha continuato a scrivere. Infatti, un contributo al lavoro di Bornstein è il suggerimento che lo sviluppo del cervello possa continuare, con la maternità a fare da stimolo fondamentale.

Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *