Sofia come la nuova silicon valley d’Europa… tutta al femminile!

Sasha Bezuhanova

Circa un anno fa, Angela Ivanova e Gergana Stancheva hanno creato la Lam’on, un tipo di laminazione di carta basata su biopolimeri che è rispettosa dell’ambiente grazie alla sua biodegradabilità. “Il nostro prodotto è utilizzato dalle stesse macchine che normalmente utilizzano film di laminazione regolari” hanno dichiarato. “Il cliente nota appena la differenza. Tuttavia i film di laminazione attualmente in uso sono fatti di polietilene, che è tossico sia per l’ambiente che per gli esseri umani”.

Oltre l’80% delle startup in Bulgaria sta sviluppando prodotti e servizi destinati al mercato internazionale. La Stancheva e la Ivanova vogliono far produrre il loro prodotto nel paese, dove le condizioni per le startup sono molto favorevoli. Per ora, si stanno concentrando sulla Germania come mercato di vendita primario: “La Bulgaria trascura la protezione dell’ambiente. Non ci sono politiche in atto a riguardo. La maggior parte della gente non pensa in che modo possano aiutare a proteggere l’ambiente, ma abbiamo gradualmente notato un cambiamento di pensiero tra le persone intorno a noi”.

Una statistica dice che le aziende con donne responsabili ottengono risultati che sono il 63% più positivi rispetto alle aziende guidate da uomini. La Bulgaria ha assunto un ruolo guida in Europa per quanto riguarda la percentuale di donne che lavorano nei settori delle tecnologie dell’informazione e della comunicazione. Quasi il 26,6% dei dipendenti del settore sono donne. La Germania, al 16,6%, resta indietro.

Sasha Bezuhanova, fondatrice del Centro bulgaro delle donne in tecnologia, ha dichiarato: “Il settore IT in Bulgaria si è sviluppato a partire dal 1960. C’erano un gran numero di società di elettronica e software in cui donne e uomini lavoravano”. Grazie ai modelli di ruolo delle donne nei campi dell’ingegneria e della scienza, le ragazze in Bulgaria oggi stanno seguendo le orme delle loro madri. “Questo è uno dei motivi per l’alta percentuale di donne in quelle professioni” ha affermato la Bezuhanova.

Essendo attiva nel settore IT bulgaro da oltre 20 anni, la Bezuhanova è un modello per molte donne. Nonostante la situazione positiva in Bulgaria, ha sottolineato che “non possiamo riposarci sugli allori. In tutta Europa, abbiamo una carenza di 350.000 ingegneri ed entro il 2020 tale cifra salirà a 500.000. La soluzione più facile e più rapida a questo problema è di arruolare attivamente donne ben istruite, di farle lavorare insieme agli uomini senza pregiudizi i quali, purtroppo, esistono ancora”.

La ventenne Anna Radulovski è una frequente relatrice alle conferenze tecniche, dove discute della diversità nel settore. “Ci sono stereotipi che si stabiliscono durante l’infanzia, ad esempio attraverso giocattoli dati ai bambini” ha affermato. “Le ragazze prendono bambole rosa, i ragazzi prendono mattoncini di plastica della Lego. Senza esserne consapevole, la gente ha tramandato gli stereotipi alla generazione successiva. Ciò è noto come “innesco”, che pone le basi per il futuro orientamento professionale del bambino”.

Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi