Test di gravidanza: come funziona e quando è meglio farlo

test di gravidanza

Il metodo più semplice e immediato per scoprire se si è davvero incinta non può che essere il test di gravidanza domiciliare, quello che si acquista in farmacia o anche in un normalissimo supermercato e che dà il responso nell’arco di pochi secondi! Ad oggi, questo è il test di gravidanza più utilizzato dalle donne perché è economico, è immediato, è comodo e facile da reperire. Ma ci siamo mai chieste quale sia il periodo migliore per fare questo tipo di test?

Il test di gravidanza fai da te lo si può fare già dal primo giorno di ritardo della mestruazione, anche se alcuni test – quelli diciamo più sensibili – permettono di poter essere utilizzati anche qualche giorno prima rispetto alla data in cui ci si aspetta l’inizio delle mestruazioni. Per quanto riguarda invece il momento della giornata ideale, diciamo che il test lo si può fare tranquillamente in qualunque momento (mattino, pomeriggio o sera è del tutto indifferente, per quanto alcune donne si ostinino a pensare che il mattino sia il momento migliore). In fondo, il funzionamento rimane sempre lo stesso: è sufficiente porre la striscia sotto il flusso dell’urina o immergerla in una bacinella di urina per avere il risultato in men che non si dica!

In molte però continuano a chiedersi come si possa riuscire a percepire l’inizio di una gravidanza. Quando, insomma, bisogna acquistare un test di gravidanza per togliersi di torno ogni dubbio?

Diciamo che ci sono diversi sintomi che oramai ci permettono di capire quando “qualcosa sta per cambiare”. Il ritardo del ciclo mestruale è il parametro più utilizzato per rendersi conto che gli ormoni non sono più quelli di prima; ma tra i sintomi che potrebbero essere a monte di una gravidanza ci sono anche piccole perdite di sangue, un seno più sensibile che non ci consente di dormire a testa in giù, dei capezzoli più scuri, una forte sensibilità agli odori, una pancia dura e gonfia e una sensazione di tensione localizzata sul basso ventre. Anche la fame è un indicatore non da poco: del resto è forse un mistero che le mamme in attesa abbiano più appetito del solito?

Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *