Diritto di voto per le donne: 100 anni fa la battaglia delle suffragette inglesi

Martedì sono passati esattamente 100 anni da quando ad alcune donne britanniche è stato concesso il diritto al voto. La Legge sulla Rappresentanza del Popolo fu adottata nel febbraio del 1918, aprendo finalmente la strada al suffragio universale delle donne nel paese. Il diritto al voto fu concesso a quelle donne di età superiore ai 30 anni, proprietarie terriere o sposate con uomini che avevano una proprietà. Con lo stesso atto, l’età di voto per gli uomini venne abbassata da 30 a 21 anni.

Nei decenni successivi, il numero dei sostenitori delle campagne di suffragio delle donne è cresciuto in due principali fazioni. I suffragisti, un gruppo di donne prevalentemente di classe media, condussero una campagna sotto forma di dissenso tradizionale e non violento, usando tattiche pacifiche e dimostrazioni per collettivizzare secondo la legge. Le suffragette invece, di taglio più militante, diedero un altro approccio alla loro campagna, eseguendo scioperi della fame e portando avanti attacchi incendiari per dare forza al sostegno.

Nel 1928, con l’Equal Franchise Act, le donne nel Regno Unito ricevettero diritti di voto equiparati, aumentando il numero di elettrici femminili da 8 milioni a 15 milioni. Così come nel Regno Unito, anche l’Austria e la Germania hanno ceduto al suffragio femminile nel 1918.

La Nuova Zelanda fu il primo paese al mondo a garantire il diritto di voto per le donne nel 1893. Nel 1902 alcune donne australiane ottennero il diritto al voto, ma la legge escluse dal voto le donne indigene almeno fino al 1967. In Europa, la Finlandia divenne il primo paese europeo a introdurre il suffragio femminile nel 1906. Le donne in Svizzera furono le ultime in Europa ad avere diritto al voto, introdotto nel 1971.

Dopo 100 anni di suffragio femminile nel Regno Unito, le donne sono ancora poco rappresentate in Parlamento. Sebbene alcune donne nel Regno Unito abbiano votato negli ultimi 100 anni, le donne addentro la politica rimangono ancora una minoranza nelle stanze del potere. Attualmente ci sono donne parlamentari più che mai, ma rappresentano ancora solo il 32% dei 650 membri del Parlamento. Nel 2017, 208 donne sono state elette alla Camera dei Comuni durante le elezioni, una quantità di seggi mai raggiunta prima nella storia politica del paese.

Globalmente, il Regno Unito è al trentasettesimo posto come rappresentanza femminile in Parlamento. Gli Stati Uniti sono al 99° posto: le donne rappresentano meno del 20% di tutti i legislatori.

Il Ruanda attualmente è al primo posto nel mondo come percentuale di donne legislatori, con oltre il 61% delle posizioni in parlamento. Seguono Bolivia, Cuba, Nicaragua e Svezia, secondo l’Organizzazione internazionale dei parlamenti.

Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *