Turchia: addio al trattato sulla violenza domestica anche se gli abusi aumentano

Turchia: addio al trattato sulla violenza domestica anche se gli abusi aumentano

Pinar Gultekin, una studentessa universitaria di 27 anni, è stata strangolata prima che il suo corpo venisse stipato in un barile e dato alle fiamme. “Era un barile che usiamo per bruciare la spazzatura”, avrebbe poi detto ai pubblici ministeri il killer accusato, Cemal Metin Avci, 32 anni, proprietario di un nightclub. Aveva riempito il barile di cemento prima di scaricarlo nel bosco. Il movente dell’omicidio è la gelosia, sviluppata dall’uomo perché la donna non voleva stare con lui.

In Turchia, dove per violenza domestica l’anno scorso sono state uccise almeno 400 donne, il crimine ha suscitato una rinnovata indignazione per la mancata lotta contro l’abuso sulle donne. Quattro donne su 10 in Turchia subiscono violenza sessuale o fisica almeno una volta nella vita.

È passato quasi un decennio da quando i leader europei si sono riuniti a Istanbul per firmare un trattato volto a combattere la violenza domestica, un accordo che all’epoca era visto come un notevole progresso per i diritti delle donne.

Il numero di donne uccise in Turchia è aumentato anno dopo anno e anche gli abusi sono aumentati vertiginosamente, aggravati di recente dal lock down causa COVID-19. Tuttavia, il governo turco sta valutando la possibilità di ritirarsi dall’accordo. Sebbene il governo turco non sia riuscito a mantenere le sue promesse di affrontare la violenza domestica, l’idea che il Paese avrebbe abbandonato il trattato, noto come Convenzione di Istanbul, ha alimentato una rabbia diffusa.

I manifestanti di tutto il Paese, guidati da donne, sono scesi in piazza per manifestare contro questa possibile decisione. La lotta per il trattato, che imperversa non solo in Turchia ma anche in altre parti dell’Europa orientale e centrale, è diventata molto più del documento stesso, che non ha forza di legge ed è, in ogni caso, modesto nelle sue proposte.

La ratifica della convenzione è in fase di stallo in diversi Paesi europei, tra cui Bulgaria, Repubblica Ceca, Ungheria, Lettonia e Slovacchia. La Russia non l’ha nemmeno firmata. Recentemente, il governo polacco ha suggerito che sta valutando la possibilità di ritirarsi.

Sebbene molti difensori del trattato riconoscano i limiti dell’efficacia della convenzione, essa ha una profonda risonanza simbolica. Essere parte dell’accordo, dicono, significa effettivamente riconoscere di far parte di una società che lotta per l’uguaglianza e i diritti umani.

In Turchia, quando si è sparsa la voce che il governo si sarebbe ritirato dal trattato, migliaia di persone sono scese in piazza per protestare. Molti sostenitori dei diritti delle donne in Turchia affermano che, invece di abbandonare il trattato, il governo dovrebbe utilizzarlo per rivedere un sistema che spesso consente agli abusi domestici di rimanere impuniti.

I media turchi sono stati pieni di casi di donne che chiedevano aiuto alla polizia e ai tribunali, solo per essere ignorati, a volte con conseguenze mortali.

Un rapporto della gendarmeria turca, agenzia nazionale per l’applicazione della legge, ha rilevato che dal 2008 al 2017 sono state uccise circa 2.487 donne, con un aumento significativo del numero di omicidi dopo il 2013. La maggioranza (62%) è stata uccisa dai mariti, ex mariti o fidanzati, mentre il 28% da altri parenti. Una percentuale molto più piccola (10%) è stata uccisa da stalker, vicini o altri.

Nonostante il quadro disastroso dipinto dai numeri, la fiducia nel ricevere qualsiasi sostegno dal sistema legale sembra scarsa. Secondo Women for Women’s Human Rights – New Ways, solo sette donne su 100 vittime di violenza denunciano alla polizia. I pubblici ministeri vengono coinvolti solo in circa il 4% dei casi. Dei casi che arrivano in tribunale, il 21% risulta in condanna. Anche in questo, le sanzioni sono spesso lievi.

Leave a Reply