Madri che vivono fino a 90 anni: anche le figlie hanno forti possibilità di riuscirci

nonna

I ricercatori della Scuola di Medicina dell’Università della California a San Diego riferiscono che le donne le cui madri hanno vissuto almeno fino ai 90 anni hanno più probabilità di raggiungere la stessa età, senza gravi malattie e disabilità. Lo studio ha rilevato che le donne con madri novantenni hanno il 25% in più di probabilità di arrivare alla stessa età senza soffrire di malattie gravi o croniche, tra cui quelle cardiache, ictus, diabete, cancro, fratture dell’anca o altri debilitanti disabilità.

Aladdin Shadyab, del Dipartimento di Medicina e Sanità pubblica presso la UC San Diego School of Medicine e primo autore dello studio ha così commentato: “Il raggiungimento di un invecchiamento sano è diventato una priorità importante per la salute pubblica alla luce dell’invecchiamento demografico in rapida crescita negli Stati Uniti. I nostri risultati mostrano che, non solo queste donne vivono fino all’età di 90 anni, ma sono anche invecchiate bene evitando le principali malattie e disabilità. Non si tratta solo del numero di candele sulla torta. Queste donne erano indipendenti e potevano fare attività quotidiane come fare il bagno, camminare, salire una rampa di scale o partecipare ad hobby da loro molto amati, come il golf”.

È interessante notare che lo studio ha anche scoperto la mancanza di correlazione tra un padre che viveva fino a 90 anni e l’aumento di longevità e salute delle figlie. Tuttavia, se entrambi i genitori hanno vissuto fino 90 anni, la probabilità che una o più figlie raggiungessero la longevità e un invecchiamento sano è balzata al 38%.

Lo studio ha analizzato i dati di circa 22.000 donne in postmenopausa che partecipavano all’iniziativa Women’s Health, un ampio studio nazionale che esamina i principali fattori di rischio per le malattie croniche tra le donne. Le limitazioni non includevano la conoscenza della salute o la causa della morte dei genitori dei partecipanti.

Shadyab e colleghi ritengono che una combinazione di genetica, ambiente e comportamenti passati alle generazioni successive possa influenzare i risultati dell’invecchiamento tra la prole.

“Ora abbiamo prove che il tempo di vita dei nostri genitori può predire i nostri risultati a lungo termine”, ha affermato Shadyab “compreso il fatto che invecchieremo bene. Abbiamo bisogno di ulteriori studi per capire perché, chiarendo soprattutto in che modo determinati fattori e comportamenti interagiscono con i geni per influenzare i risultati dell’invecchiamento. Sebbene non siamo in grado di determinare i nostri geni, il nostro studio mostra l’importanza di trasmettere comportamenti sani ai nostri bambini. Alcune scelte di stile di vita possono determinare un invecchiamento sano di generazione in generazione”.

Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi