Quaden Bayles, lo straziante video del bimbo bullizzato a scuola perché affetto da nanismo

Quaden Bayles

Quaden Bayles

Una mamma australiana ha raccontato in prima persona gli effetti devastanti del bullismo su suo figlio in una clip ormai diventata virale. Nello straziante video, il figlio Quaden Bayles, nato con acondroplasia, un disturbo genetico che provoca nanismo, singhiozza nell’auto di famiglia dopo che un altro bambino nella sua scuola lo ha offeso per la sua altezza. “Vorrei poter pugnalarmi nel mio cuore”, dice il bambino tra le lacrime. “Voglio che qualcuno mi uccida”.

Yarraka, madre del bambino, afferma di voler condividere il video per aumentare la consapevolezza sul bullismo e ottenere consigli da altri genitori su come affrontare gli effetti, tra cui tentativi di suicidio da parte del suo giovane figlio.

“Voglio che le persone lo sappiano, questo è l’effetto del bullismo”, dice da dietro la telecamera. “Questo è ciò che fa il bullismo. Basta solo un altro istante e poi ci chiediamo perché alcuni bambini si uccidono”.  Scoppiando in lacrime, aggiunge: “Voglio che le persone sappiano quanto questo ci fa male come famiglia. Devo tenerlo costantemente d’occhio a causa dei tentativi di suicidio”.

Nel video, Yarraka dice anche che spera che le scuole faranno un lavoro migliore per educare gli altri bambini sulle disabilità in modo che suo figlio possa essere risparmiato dal costante scherno. Da quando ha pubblicato il video la scorsa settimana, ha ottenuto oltre 21 milioni di visualizzazioni e il sostegno della sua community, tra cui l’attore australiano Hugh Jackman e gli atleti della lega di rugby professionistica australiana.

“Voglio solo augurarti tutto il meglio, fratello. Sappiamo che stai attraversando un momento difficile in questo momento, ma i ragazzi sono qui, abbiamo le spalle larghe. Siamo qui per aiutarti, amico”, ha detto uno dei giocatori della squadra, Latrell Mitchell in un video. “Assicurati solo di pensare alle cose giuste, amico, perché ti vogliamo vedere in giro. Significherà più per noi di quanto non lo sarà per te, amico. Assicurati solo di prenderci cura di te e speriamo di vederti nei prossimi due giorni”. Anche il grande pubblico sta mostrando a Quaden il loro sostegno, attraverso un flusso di amore e denaro.

A proposito: gli effetti del bullismo hanno avuto un impatto tremendo sui bambini della stessa età di Quaden. Un ragazzo di 10 anni del Texas si è ucciso dopo essere stato tormentato incessantemente a scuola dai suoi compagni di classe, che gli avevano detto di suicidarsi. Un altro bambino di 10 anni nel Kentucky si è suicidato a causa del feroce bullismo verso la sua sacca per colostomia.

“Nessuno conosce le battaglie che affrontiamo in privato”, afferma Yarraka nel video. “Di solito condivido tutti i punti salienti positivi, ma tutto questo deve essere affrontato per salvare la vita dei nostri bambini”.

Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *