Infanzia, occhio agli effetti che il rifiuto può avere su un bambino

educare figli

Il rifiuto in casa non significa semplicemente che un genitore dichiara di non amare il proprio figlio. Se fosse così semplice, oltre che orribile, ci sarebbero molte meno persone che soffrono delle conseguenze negative derivate dal rifiuto. Esso può assumere molte forme sottili e, quando lasciato incustodito, può devastare la psiche di una persona.

Ecco alcuni esempi di rifiuto all’interno di una famiglia:

  • Preferire un bambino a un altro.
  • Non essere equi quando si estendono i privilegi.
  • Permettere ad alcuni figli di avere certe libertà che gli altri non hanno (escluse le attività appropriate all’età).
  • Passare troppo tempo al telefono o online.
  • Mancanza di tempo di qualità insieme.
  • Prendere in giro un bambino.
  • Interrompere o impedire ad un figlio di parlare.
  • Non mostrare interesse per ciò che piace ad un figlio.
  • Mostrare sarcasmo mordace.
  • Trattenersi dal dare complimenti e lodi.
  • Non essere presenti agli eventi dei figli.

La percezione è realtà

Questa è una realtà sia per i figli che i genitori stessi. Se i figli percepiscono che un genitore o entrambi li stanno respingendo, essi lo crederanno e soffriranno per questo.

Questo non significa essere paranoici, ma non ignorare le loro grida di attenzione o segni rivelatori di rifiuto percepito. Se dicono cose come “Preferisci mia sorella a me” o “Non vuoi mai giocare con me”, allora bisogna prendere sul serio queste cose.

Se una mamma, o il proprio coniuge, ha un figlio preferito, è presente ma assente, o lavora troppo, i bambini si sentiranno rifiutati. Non capiscono che bisogna lavorare per pagare le bollette. Ciò potrebbe significare che un genitore deve dedicare tempo e attenzione speciali, sebbene sia stanco, per assicurarsi che i propri figli si sentano amati e assistiti. Essere occupati non è una scusa per non passare il tempo con loro.

È auto-avverante

Se un bambino percepisce se stesso rifiutato dalla sua famiglia, allora avrà inevitabilmente problemi di autostima. Se pensa di avere poco valore, agirà in modo tale da indurre gli altri a mettergli i piedi in testa. Non si difenderà da solo, non si esporrà e gli altri lo percepiranno e lo tratteranno di conseguenza.

Un po’ tutti nella vita hanno sperimentato il rifiuto, ma la maggior parte sono riusciti a superarlo creandosi un proprio carattere. Tuttavia, nessuno vuole che i propri figli sviluppino troppo presto un’identità intimamente connessa al rifiuto, che renderà la loro vita più difficile.

Guardare le relazioni tra fratelli

Un bullo a casa è probabilmente peggio di un bullo a scuola perché se un fratello è il bullo, gli altri non possono sfuggirgli. Se è presente un prepotente in casa, bisogna proteggere gli altri bambini affrontandolo. Il rifiuto tra fratelli o il costante sentimento di inadeguatezza derivante dal rifiuto di un fratello verso un altro avrà effetti duraturi.

Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *