Come una mamma può aiutare un bambino che balbetta

, Come una mamma può aiutare un bambino che balbetta

La balbuzie è un problema che attanaglia molti bambini. Ecco alcune delle migliori pratiche che una mamma può utilizzare per assumere un ruolo attivo nell’aiutare i propri figli:

Cercare un aiuto professionale. Se una mamma è preoccupata per il linguaggio del proprio figlio, è importante contattare un logopedista. Sono esperti di comunicazione ed è più qualificato per aiutare a valutare, diagnosticare e curare il bambino. Molti di questi esperti sono specializzati in balbuzie e disturbi della fluidità, quindi assicurarsi che soddisfino le esigenze del bambino.

Come sapere quando è il momento giusto per farlo curare? Come accennato prima, la migliore prevenzione per i problemi di sviluppo è l’intervento precoce. Pertanto, prima si parla con il proprio medico o si riceve un consulto da un logopedista, meglio è. In particolare, un aiuto professionale è necessario quando si manifesta uno dei seguenti segni, che potrebbero indicare che la balbuzie del bambino è più grave:

  1. La sua balbuzie sta peggiorando o continua dopo aver compiuto 5 anni.
  2. Fanno movimenti o espressioni facciali quando parlano.
  3. Tentano di evitare situazioni come parlare in pubblico.

Modello Easy Speech. Per i bambini piccoli che non sembrano ancora mostrare consapevolezza della propria balbuzie, bisogna sostenerli in modo indiretto per non attirare necessariamente l’attenzione sulla balbuzie stessa. Il modello Easy Speech (discorso facile) è una tecnica in cui una mamma può usare un modo di parlare facile e rilassato durante la comunicazione quotidiana con il proprio bambino. Bisogna allungare e appianare le parole e parlare con un ritmo lento. Può volerci un po’ di tempo per abituarsi, ma spesso il linguaggio del bambino inizierà a imitare quello della mamma se rimane coerente.

Rinforzo positivo. Può sembrare un istinto naturale correggere immediatamente un bambino o reagire negativamente quando balbetta. Tuttavia, è importante cercare di evitare queste reazioni. Invece, è importante lodarli e celebrarli quando parlano correntemente e senza frustrazione.

Utilizzare maggiori commenti o osservazioni. Cercare di ridurre la pressione quando si parla con il proprio figlio. Una strategia consiste nel fare più commenti o osservazioni piuttosto che porre domande dirette. Ad esempio, se una mamma sta leggendo una favola al figlio, invece di dire “Cosa sta facendo l’orso su questa pagina?” potrebbe commentare con “Vedo l’orso che mangia miele!”

Turni di conversazione. Può essere difficile per i bambini parlare quando tutti hanno qualcosa da dire, soprattutto se hanno fratelli. Cogliere le opportunità per insistere sulla svolta della conversazione. Il posto per la cena è un ottimo posto per provarlo. Ognuno ha qualche minuto per descrivere la propria giornata o commentare ciò che ha imparato a scuola. Quando il bambino che balbetta inizia a parlare, assicurarsi che l’attenzione sia concentrata su di lui.

Leave a Reply