Il ciuccio: consigli su scelta e pulizia

ciuccio, Il ciuccio: consigli su scelta e pulizia

I ciucci sono disponibili in una varietà di colori, design e forme. Qualunque sia la dimensione e lo stile che il bambino preferisce, assicurarsi che il modello che si acquista sia robusto e che non possa mai staccarsi (quelli modellati da un pezzo di plastica sono i migliori), con lo scudo di 5 cm o più grande, in modo che il bambino non riesca a mettere l’intero ciuccio in bocca.

Lo scudo dovrebbe avere fori di ventilazione per consentire la circolazione dell’aria. Senza questi buchi, la saliva di un bambino può accumularsi dietro la base, causando un’eruzione cutanea o un’irritazione.

Si può scegliere tra la tettarella in lattice e silicone. Quelle in silicone sono le più robuste, si puliscono più facilmente e non trattengono gli odori. Però il bambino non li troverà così morbidi in bocca come quella in lattice. Inoltre, il lattice è più flessibile, ma poiché è più morbido, probabilmente il bambino lo consumerà più velocemente.

Quando sostituire il ciuccio?

Dipende da quanto vigorosamente e spesso il bambino lo succhia. Le tettarelle del ciuccio si logorano con l’età e l’uso, quindi bisogna controllare accuratamente prima di mettere il ciuccio in bocca al bambino.

È importante individuare scolorimenti, così come buchi e punti deboli che potrebbero causare la rottura della tettarella quando viene succhiata, mettendo il bambino a rischio di soffocamento. Alcune diventano anche appiccicose con l’età.

I ciucci non sono molto costosi, quindi è meglio sostituirli non appena iniziano a mostrare segni di deterioramento.

Come pulire il ciuccio?

Prima del primo utilizzo, lavare il ciuccio con acqua e sapone e sciacquarlo bene. Alcune fonti consigliano di farlo bollire per 5 minuti per eliminare eventuali residui chimici. Successivamente, lavarlo in acqua calda e sapone (sciacquare bene).

I ciucci in silicone possono essere lavati regolarmente nella lavastoviglie (usare il cestello superiore), ma i quelli in lattice di solito no. Per prevenire i funghi, è una buona idea immergere il ciuccio in parti uguali di aceto bianco e acqua per alcuni minuti una volta al giorno. Risciacquare bene e asciugare completamente all’aria.

Se il bambino fa cadere il ciuccio sul pavimento, basta semplicemente sciacquarlo in acqua calda. Se cade sul marciapiede, è meglio pulirlo in acqua calda e sapone. Portare con sé un ricambio per l’occasione.

Cos’altro bisogna sapere?

Ecco alcuni consigli da tenere a mente:

  • Non cercare di modellare il ciuccio. Attaccare la tettarella ad una bottiglia di plastica, ad esempio, è pericoloso perché può staccarsi e potrebbe rimanere intrappolata nella gola del bambino.
  • Resistere alla tentazione di usare un laccio o un nastro per attaccare un ciuccio alla culla del bambino o avvolgerlo attorno al collo: è un pericolo di strangolamento. Va bene, invece, attaccarlo ai vestiti del bambino usando un porta ciuccio o spilla da pannolino.
  • Non ricoprire il ciuccio del bambino di cibo dolce, che può causare problemi. Il miele, in particolare, non è sicuro per i bambini di età inferiore a un anno perché può causare botulismo, un avvelenamento da cibo potenzialmente fatale.

Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi